Come ispezionare la tua auto dopo un allagamento

Novembre è uno dei mesi più piovosi dell’anno, tra temporali e bombe d’acqua la nostra auto può essere sommersa da veri e propri allagamenti che possono danneggiarla. Anche se l’auto non ha riportato danni alla carrozzeria ci possono essere lo stesso dei danni più o meno gravi.

Ecco come scoprire se ci sono danni nascosti:

Annusa gli interni. Chiudi tutti i finestrini e le portiere, lascia la macchina ferma per almeno 5 minuti. A questo punto entra nell’auto ed annusa. La muffa e i batteri hanno un odore molto particolare e non ci vuole molto tempo per far sì che questo si presenti.

Scopri tracce di umidità. Prendi degli asciugamani di carta e premili al di sotto dei tappetini. Gli asciugamani estraggono l’umidità, rivelando se c’è del bagnato sotto la superfice. Alcuni tappetini possono essere spessi diversi centimetri per isolare dal calore e dal suono, se l’asciugamano di carta si bagna potrebbe significare che l’acqua è entrata nell’auto.

Ispeziona ogni angolo. Guarda sotto i sedili ed il cruscotto per controllare se ci siano o meno tracce di corrosione. Sotto i sedili anteriori ci sono molle metalliche che di solito non vengono verniciate con vernice antiruggine, per questo se sono arrugginiti è segno che l’interno è stato bagnato. Inoltre, cerca se c’è del fango e detriti nelle parti in cui non ci dovrebbero essere.

Ispeziona il quadro strumenti. Accendi l’auto e controlla il quadro strumenti. Molte volte i veicoli che sono stati sommersi dall’acqua hanno malfunzionamenti nel sistema anti bloccaggio ed air bag. Assicurarti che le spie si accendano e spengano, per capire se ci sono guasti al motore.

Portalo da un professionista. Solo un meccanico saprà dirti se la tua macchina è in buone condizioni nonostante l’acqua alta. Potendo sollevare la macchina e guardare se c’è del fango, rami o sassi nelle sospensioni sarà in grado di effettuare una diagnosi precisa. Un professionista inoltre potrà controllare l’olio nei differenziali per assicurarsi che non contengano acqua.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.